I miei obiettivi

PASSIONE E DIALOGO

La politica per me è passione e impegno quotidiano, senza aver mai abbandonato in questi anni l’insegnamento nella scuola pubblica. Sono stata eletta in Consiglio di Zona nel 2007, poi in Consiglio Provinciale e dal 2016 sono Consigliera comunale a Milano con il Sindaco Beppe Sala.
Come Presidente della Commissione Pari Opportunità e Diritti Civili del Comune di Milano sono costantemente impegnata nella difesa dei più deboli e ho creato una rete di dialogo e sinergia tra tutte le istituzioni – Magistratura, Forze dell’Ordine, Enti – coinvolte nei temi che affronto ogni giorno.

IMPEGNO PER OBIETTIVI CONCRETI

Il mio impegno sarà sempre rivolto alle pari opportunità, ai diritti civili, alle nuove famiglie, alla formazione, al lavoro per le giovani generazioni e per coloro che lo hanno perso, alle garanzie e alle sicurezze sociali, a contrastare le diverse forme di discriminazione, alla necessità del dialogo interculturale e alla qualità dell’abitare.
Credo sia possibile una società più giusta e inclusiva e sono convinta che l’unica via per una migliore
convivenza sia impegnarsi per ridurre le conflittualità tra le persone. Per me le battaglie di civiltà unite alla buona amministrazione si traducono sempre in traguardi positivi in ambito produttivo, economico, sociale e culturale.

LIBERTÀ NELLE SCELTE

Sono una donna libera, penso e, quando è il caso, dissento, perché credo che il pensiero critico e il dibattito siano il Dna del mio Partito, al quale rimango leale e fedele. Alla crisi della politica bisogna dare risposte puntuali, le
ricette miracolose non esistono, la buona amministrazione e la capacità di visione del futuro fanno la
differenza. il Partito Democratico ha dimostrato di saperlo fare, selezionando migliaia di buoni amministratori su tutto il territorio nazionale e facendosi carico di scelte responsabili nei momenti difficili che ha attraversato il nostro Paese. Come Senatrice eletta mi impegnerò nell’essere la referente di tutte e tutti, sopra le parti, nel ruolo di relazione e intermediazione tra Governo ed Enti amministrativi locali.

ATTENZIONE E ASCOLTO

Per ritrovare la capacità di ascolto e dare risposte ai problemi è necessaria un’attenzione quotidiana alle persone, confrontandosi con le Cittadine e i Cittadini per le scelte strategiche di sviluppo economico, sociale e ambientale, per
affrontare insieme i problemi e trasformare in azioni pratiche ciò che conta davvero nella vita di ognuno di noi.
La convivenza è il risultato di scelte che caratterizzano la qualità della vita: il lavoro e l’impresa, la sicurezza,
l’ambiente, la mobilità, le attività ricreative e culturali, lo sport, tutto ciò che può rendere un territorio bello da vivere.

QUALITÀ DELLA VITA

Una convinta trasformazione dei comportamenti aiuta a vivere in città sicure anche dal punto di vista ambientale.
Raccolta e riutilizzo dei rifiuti, efficientamento energetico per gli edifici pubblici e privati, trasporti pubblici e privati
(sharing, elettrico). Il tema della mobilità sostenibile è centrale per le comunità vicine a una grande metropoli internazionale, affinché questo rapporto diventi a tutti gli effetti un’opportunità.

NUOVE GENERAZIONI

I Comuni del nostro Collegio, negli ultimi anni, hanno visto progressivamente allontanarsi molti giovani, che non trovano terreno fertile per le loro aspettative: bisogna creare le condizioni per invertire questa tendenza, con azioni di sostegno concreto all’imprenditorialità – sedi operative a basso costo, tutoraggio gestionale e finanziario, accompagnamento sul mercato. Potenziare la rete di collaborazione tra i Comuni del Collegio per favorire relazioni strategiche tra imprese, lavoratori, scuole e giovani, creare contatti e incontri, attivare iniziative di formazione e orientamento in
collaborazione con scuola e impresa.

IL VALORE AGRICOLTURA

Il Collegio Lombardia 07 è un grande territorio in cui la tradizione agricola costituisce un importante valore, per cui la Buona Politica può fare tanto: aiutando le imprese del settore a diversificare e rinnovare le produzioni, favorendo
la nascita di imprese agricole giovanili, attivando nuove relazioni tra agricoltura, commercio, ristorazione, ospitalità
e cultura del territorio per una proposta turistica di filiera corta capace di valorizzare l’eredità di Expo 2015.